Pianificazione del macrociclo: volume di lunga durata

Prima di entrare nei dettagli, vorrei ribadire due punti. Innanzitutto, la ragione per cui il volume era una priorità così bassa quando Renee e io abbiamo iniziato a lavorare insieme era che stava arrivando da un infortunio e lei aveva semplicemente bisogno di stare in salute durante la corsa. Non mi importava del suo volume settimana dopo settimana (non l’ho mai calcolato, anche se sono sicuro che lo abbia fatto), ma mi importava che lei prendesse il “passo logico successivo” (che è un termine di Mark Wetmore) con gli allenamenti che erano impegnativi, ma fattibili. In secondo luogo, Renee ha avuto un’eccellente estate di gare, considerando i suoi ultimi due anni, e come uno dei contributori più attivi al sito ha giustamente chiesto: “Perché la sua corsa di più se ha avuto una grande stagione ed è vicino a lei PRs? “La risposta breve è che il mio compito principale è quello di aiutarla a raggiungere il suo potenziale genetico e se non esplora maggiori volumi in esecuzione nel suo allenamento, probabilmente non raggiungerà mai il suo potenziale genetico. Una risposta più lunga può essere trovata qui .

Con quei due punti fuori mano, parliamo del volume della sua lunga corsa.

Dovrei prendere il tempo di leggere il suo diario, un registro che tiene lontano dal suo primo giorno nel campus di CU (si è trasferita a CU dal Georgia Tech) fino a quando lei e io abbiamo iniziato a lavorare insieme quest’inverno, e analmente (sì, a volte è necessario essere anale come allenatore) annotare la distanza percorsa ogni domenica durante la sua corsa lunga settimanale. Non avendolo fatto, ho intenzione di indovinare che non corre da sedici miglia o più dieci volte e potrebbe aver fatto solo sedici o più miglia quattro per cinque volte nella sua vita (penso che abbia fatto sedici volte una volta o due con me; Avevo un sacco di quattordici e quindici, a volte finendo in pista con tre o quattro miglia a sei minuti di ritmo … a Flagstaff).

Ne parlo perché alle 7:00 il ritmo di una corsa lunga diciassette chilometri manca la barriera di due ore di un minuto; se avesse corso su una pista piatta a Boulder, senza dubbio avrebbe corso alle 6:30 o alle 6:20 con le ultime sette miglia se avesse corso le prime dieci alle 7:00, facendo sì che il diciassettesimo miglio avesse una durata di circa 1:55 . Ora, ci sono tonnellate e tonnellate di quattordici miglia di corsa nel suo diario, alcune delle quali erano semplicemente “Renee Races”, dove lei cercava di catturare quanti più membri della squadra di uomini di CU che poteva. Perché questo è importante? Perché uscire nel primo miglio e cercare di resistere per 80 o 90 minuti è davvero difficile, ma partire facile, anche lento, quindi costruire per tutta la corsa è sempre più facile … ea volte l’atleta si sente così bene nell’ultimo 25% della corsa che a lungo andare diventa un allenamento energizzante ed energizzante. Direi che una corsa di quattordici chilometri in cui stava inseguendo ragazzi e aggrappandosi è più impegnativa di sedici miglia di corsa progressivamente più veloce. Significa che una corsa lunga diciassette miglia è la stessa della sua corsa di quattordici miglia? Non lo so e questa è la grande domanda perché diciassette è il prossimo passo logico per la sua lunga serie settimanale; non ha mai eseguito quella distanza in modo coerente e alla sua età di allenamento (sette anni? otto anni? sicuramente non a quattro o cinque anni) quel volume è appropriato.

Quindi è pronta? La mia risposta è sì e la mia logica è semplice: ha fatto almeno una mezza dozzina e forse una dozzina di run quest’anno che duravano da 1:30 a 1:40 (90-100 minuti) ma poi da venti a trenta minuti di GS IMMEDIATAMENTE dopo la corsa.

… rileggi che …

È lo stesso di due ore? No. Ma vuol dire che può concentrarsi per due ore e significa che il suo corpo ha alimentato la corsa aerobica e poi ha alimentato un ottimo lavoro di GS (i primi cinque-dieci minuti sarebbero stati assassini, quindi gli ultimi dieci-quindici sarebbero stati più facili) che è stato un nuovo stimolo per il suo corpo che a un certo punto di un allenamento (nota: avrebbe avuto una sorta di bevanda durante la GS, ma non sarebbe stato ben congegnato il rapporto proteine ​​/ carboidrati / grassi che incorporeremo nel prossimo anno). Ora, devo essere onesto, ho visto solo uno di questi allenamenti ( puoi guardare un video dell’allenamento qui ) ancora conosco Renee e so che è andata direttamente nella GS. Questa è la chiave per me – che la GS è arrivata subito dopo la corsa e che non ha avuto il tempo di riposare fisicamente o mentalmente. Non era una corsa di due ore, ma erano due ore.

Okay, quindi le prossime domande nella mia mente sono “Quanta GS dovremmo fare dopo due ore di esecuzione?” E “Come dobbiamo affrontare i problemi di rifornimento e idratazione dato che io e lei veniamo dall’approccio CU che ha valori lunghi corre ma raramente ha a disposizione opzioni di idratazione? “Aspetterò di discuterle in dettaglio fino a quando non avrò riflettuto sui problemi, ma posso dire con certezza che farle prendere liquidi non sarà un problema visto che è stata molto grata ogni tempo ha fatto un lungo periodo con il gruppo McMillan Elite, che aveva l’acqua per lei.

Come sempre, attendo i tuoi commenti, quindi grazie in anticipo a tutti quelli che si prendono il tempo per scrivere.