I corridori dovrebbero andare nella sala pesi? Parte 1

La prima cosa che dobbiamo riconoscere è che nell’addestrare gli atleti a diventare i migliori corridori che possono essere ci sono “Molte strade per Roma”. Detto questo, sono fermamente convinto che i corridori dovrebbero fare esercizi senza corsa se vogliono a correre più veloce . Se migliori la tua Forza generale e mobilità (GSM) puoi ridurre la possibilità di lesioni e, quando riduci gli infortuni, manterrai la coerenza nell’allenamento, senza perdere giorni, settimane o mesi alla volta. Consistenza è uno dei fattori più importanti nella corsa al tuo potenziale.

Quindi, se ti compri l’idea che hai bisogno di fare attività non in esecuzione per ridurre le ferite e mantenere la coerenza nel tuo allenamento, la domanda diventa: “Quali attività non di corsa dovrei fare?” Per molti corridori a questa domanda viene data una risposta con ” Ho bisogno di entrare nella sala pesi, lavorare sul mio nucleo e diventare forte. “Non è una cattiva idea, ma non è il mio approccio. La sala pesi ha un posto in allenamento da corsa a distanza, ma credo che arrivi dopo una progressione di esercizi e routine che possono essere fatti al di fuori della sala pesi.

Prima di entrare nei dettagli su cosa fare prima di entrare nella sala pesi, permettimi di condividere un concetto da cui ho imparato Vern Gambetta , un allenatore fantastico con le sue radici professionali in atletica leggera che ora lavora nel mondo della forza e del condizionamento. Il suo concetto di “sala pesi senza pareti” è un meraviglioso promemoria che una tonnellata di lavoro può essere fatta al di fuori della sala pesi, un lavoro che aumenta la forza e aumenta la potenza (in più, non perdi tempo spostando dalla pista al peso stanza, essenzialmente dandovi più tempo per l’allenamento). Ecco un esempio. Chiedo ai corridori di fare Vern’s Leg Circuit (dopo gli allenamenti) prima che considerino il passaggio alla sala pesi, un concetto che ho appreso dal libro di Vern Sviluppo atletico: l’arte e la scienza del condizionamento sportivo funzionale . Ci sono voluti gli atleti con cui lavoro più a lungo delle sei settimane che Vern stende nella sua progressione, ma alla fine ci arriviamo, passando attraverso cinque circuiti. Ma a quel punto non andiamo direttamente alla sala pesi. Perché? Abbiamo più lavoro da fare con i colpi di tiro, palle di medicina e kettlebell da fare in pista … a cui andremo più tardi.

Qualcosa da considerare: sia in autunno che in primavera mi piace usare circuiti di corsa sfidare il sistema aerobico dell’atleta mentre si ottiene una buona forza generale. Devo ancora lavorare con un atleta con livelli di Forza Generale che non possono essere migliorati. Ancora una volta, “Molte strade per Roma”, ma per me i circuiti sono un ottimo modo per l’atleta poco allenato di ottenere un grande stimolo con un volume di corsa minimo. Per l’atleta in forma può essere uno stimolo aerobico estremamente stimolante e allo stesso tempo migliorare i livelli di forza generale.

Ora, non sto dicendo che la sala pesi non ha un posto in allenamento per i corridori a distanza. Ma la maggior parte degli atleti e degli allenatori sono impazienti. Vogliono fare un allenamento in palestra come quello qui sotto prima che siano pronti. Nella parte 2 approfondiremo la sessione di allenamento e la settimana di allenamento e come le attività non correnti contribuiscono a preparare l’atleta a correre al loro potenziale.

Squat frontale, Speed ​​Squat Complex a partire dal CoachJayJohnson sopra Vimeo .