800m contro 1.600m contro 3.200m

Domanda veloce per gli allenatori delle scuole superiori: come vorresti vedere gli atleti con cui lavori con gli 800 m, i 1.600 me i 3.200 m? Scontri positivi? Divisioni negative? Anche le divisioni?

Questa è una domanda importante in questo periodo dell’anno perché il lavoro che svolgerai nelle prossime quattro-sei settimane determinerà “gli strumenti” che gli atleti hanno sul loro cinturone degli strumenti per il tempo di gara (ovvero non puoi aspettarti un miler di capacità media per essere in grado di spostare le marce a 300m per andare e ancora a 100m per andare se non hai iniziato una progressione di velocità di sviluppo , poiché la velocità richiede tempo).

Vuoi un corridore di 800 metri per essere in grado di “uscire” nei primi 50 metri ed eseguire una gara a split leggermente positiva tra i primi 400 metri e il secondo 400 metri? Allo stesso modo, vuoi che arrivino a 600m ad un ritmo incalzante e poi corri un solido ultimo 200m, che probabilmente sfocerà in molti concorrenti? O forse credi che l’unico modo per gestire l’evento sia quello di eseguire anche split?

Hai autorizzato i corridori da 1.600 metri a gestire i cambiamenti di ritmo e le “mosse” che caratterizzano le grandi gare a quella distanza? Possono uscire lentamente e correre ogni 400m successivi più velocemente del precedente? Possono uscire duramente per 800m o 1.000m, quindi decelerare un po ‘per i prossimi 400m circa, quindi essere in grado di cambiare marcia e correre più velocemente … e passare di nuovo se necessario, eseguendo il loro più veloce?

Volete vedere un corridore di 3.200 metri semplicemente salire sul bordo per quella gara ed eseguire otto split, o vi aspettate di vedere alcuni giri più veloci (o almeno 200 metri più veloci) alla fine della gara?

Non vado al liceo per incontrare settimanalmente, quindi la mia opinione riguardo a queste domande potrebbe essere distorta. Se hai un po ‘di tempo (e so che non puoi ora che torni a scuola) mi piacerebbe sentire le tue opinioni riguardo a queste domande, in particolare, su come pensi che gli atleti dovrebbero gestire ciascuna delle tre discipline.

Sto parlando in 10 giorni al Clinica OATCCC e voglio essere sicuro di aiutare i presenti. Grazie per l’assistenza.